Casa editrice non a pagamento.

Concorso Letterario TransUtopia

Siamo lieti di presentare la

1° Edizione del Concorso Letterario TransUtopia

Come suggerito dal titolo, tema del Concorso è lUtopia nelle sue diverse declinazioni positive e negative, nonché di tutti quegli  scenari futuri che vanno oltre la realtà, evocando mondi, dimensioni e spazi alternativi.

La partecipazione è gratuita e i dieci migliori racconti selezionati, saranno pubblicati in un’antologia formato e-book.

Per partecipare clicca qui e troverai il Regolamento e la Scheda di Partecipazione

 

AVVISO AI PARTECIPANTI: La scadenza del concorso TransUtopia è prorogata al 30 settembre.

 

***************

Già quasi 700 anni fa, Giovanni Boccaccio, nel suo Decameron, aveva immaginato dieci ragazzi che rifugiati in quarantena lontano dalla città, per scampare alla peste che colpì Firenze nel 1348, per esorcizzare la noia, si fossero raccontati delle storie.

Ispirandoci alla celebre cornice del Boccaccio, anche noi desideriamo affrontare il momento delicato che stiamo vivendo attraverso dei racconti: i vostri racconti. Vi chiediamo allora di provare a immaginare il mondo come i grandi scrittori, attraverso la lente dell’Utopia, della Distopia, dell’Ucronia.

LUtopia è una visione ottimistica, un mondo in cui lumanità è riuscita a usare il proprio ingegno per risolvere i gravi problemi che la minacciavano e a costruire una società più giusta e più felice.

La Distopia è invece una visione pessimistica, in cui lessere umano non ha imparato dai suoi errori e vive in una società brutale, inumana, oppressiva in cui i problemi che conosciamo sono portati allesasperazione.

LUcronia può essere sia positiva sia negativa, e si basa sul presupposto che alcuni eventi storici non si siano verificati o che abbiano avuto un esito diverso da quello reale e abbiano così modificato il presente. Ucronia è anche una narrazione nella quale il tempo in cui si svolgono gli eventi è assolutamente inventato, sospeso, non facente parte della Storia.

Immaginate, dunque, e mandateci il frutto della vostra fantasia!