Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxitssa periculiser ex, nihil expetendis in mei eis an pericula es amet aperiri.

Creazioni e ricreazioni

Poesie ed altri accordi verbali
GALLERIA DI PAROLE

Roberto Roversi

spazio di selezione e  pubblicazione poetica con cui elemento115 sviluppa una relazione con autori e poeti

LA MACCHINA MONDIALE
omaggio a Paolo Volponi

 

Sceso sulla terra fuori di una macchina che già sapeva guasta già zeppa  – anche se da poco fatta – di scorie, vagava poi tra coste di spighe, uve rosse, macchie bianche che gli occhi accendevano di luce folgorante; luce azzurrina immacolata, come se  le macchie verdi attorno, i canti lontani, i sudori arsi, le rondini alte fossero strumenti di uno spartito già scritto, cantato,  che di notte gli alberi ripetevano assieme a storie scomparse che sapeva, come oggi sa, rinnegate – storie che dovevano essere la sua catarsi e invece infestano lo spirito di menzogne insolenti  su emozioni,  ricordi, amori, glorie che mai ebbe ma che rincorre da anni luce lunghi istanti…. 

Per questo ha poi scelto di tentare la sorte, provare a se stesso che l’orizzonte degli eventi sempre in agguato sull’orlo di un buco nero è solo leggenda, che lui era un dio, lui più grande di qualsiasi essere umano che non vive che stenti; che ne sarà di lui, della protervia, dell’arroganza con cui trattò chi allungò una mano, chi apriva il suo cuore: ma che oggi, stanco di essere stanco, si è dissolto come la neve si dissolve al vento…

la Redazione,  2017

Roberto Roversi

Antonio Porta

Nanni Balestrini

Cesare Milanese

Remo Bassetti

Nanni Balestrini

Valentina Casadei

Alfredo Mercutello