Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxitssa periculiser ex, nihil expetendis in mei eis an pericula es amet aperiri.

L’Inferno Degli angeli

L’Inferno degli Angeli
Quando ad abusare è lei
di Giovanna Frezza

 

Ancora oggi, troppo spesso, la pedofilia femminile è considerata un argomento tabù, cono scarsissimi studi prevalentemente di matrice straniera. Nonostante la cronaca abbia dimostrato che non è fenomeno raro, vi sono resistenze e difficoltà a immaginare che una donna possa violare l’innocenza di un bambino, la donna che per antonomasia è madre, predestinata, dal famoso istinto materno, a essere tale, e dunque la pedofilia può assumere i volti più diversi di madri, insegnanti, babysitter, turiste: atti violenti contrabbandati per atti d’amore e cura.

Spesso le vittime non hanno il coraggio di denunciare l’abusante, e allora quali sono i segnali da individuare per capire se un bambino è stato abusato? E cosa fare se si ha il sospetto che l’evento sia già accaduto? Molti sono i modi per prevenire che un bambino diventi vittima di un abuso, così come molte sono le possibilità che una donna abusante possa essere recuperata.

Giovanna Frezza: nasce a Napoli nel 1984. Laurea in Psicologia Clinica.

Psicologa, sessuologa e docente al Master biennale in Sessuologia e al corso sulle dipendenze patologiche presso l’Istituto Italiano di Sessuologia Scientifica, sito in Roma. Nello stesso Istituto è responsabile e supervisore dei progetti formativi ed educativi in ambito scolastico e territoriale e tutor di tirocinio.

Relatrice in numerosi convegni con tematiche psicologiche e relazionali.

Da anni svolge attività clinica privata presso studi a Napoli e Roma.